News


INVITO AI LAVORATORI DI HERA ALLA CONFERENZA STAMPA DI SUSANNA CAMUSSO PRESSO LA SEDE HERA DI VIALE BERTI PICHAT PDF Stampa
Domani Venerdì 20 marzo 2015 Susanna Camusso, Segretaria Generale della CGIL, visiterà la Sede centrale di Hera in Viale Berti Pichat a Bologna e l'impianto di Termovalorizzazione di Via del Frullo con una rappresentanza della CGIL, della FILCTEM e una delegazione della nostra RSU.

A seguito della visita e delle iniziative che verranno
svolte durante la giornata, al termine dell'orario di lavoro, Susanna Camusso terrà una Conferenza stampa, con presenti i mass media, presso la Sala Mensa di Viale C. Berti Pichat, alla quale sono invitati a partecipare tutti i lavoratori del Gruppo HERA (
inizio previsto indicativamente dalle 16,20).

Invitiamo tutti i dipendenti a partecipare a questa iniziativa p
oichè sarà un'occasione per rilanciare la nostra iniziativa sindacale finalizzata a tutelare le prospettive future di chi lavora nel Gruppo Hera quali ad esempio:
  1. il mantenimento della maggioranza assoluta nella partecipazione azionaria pubblica degli Enti Locali (51%);
  2. il mantenimento della vocazione industriale del Gruppo attraverso l'assetto organizzativo improntato a contrastare le esternalizzazioni e ricorrere ad un uso equilibrato degli appalti;
  3. la condivisione dei prossimi processi aggregativi;
  4. il miglioramento dei rapporti con le Authority (AEEG e ATERSIR) le quali stabiliscono le politiche tariffarie e di investimento per la gestione dei servizi erogati.
Vi aspettiamo numerosi al termine del vostro orario di lavoro.

Il Comitato degli iscritti CGIL HERA Bologna

 
HERA - Il Comune di Bologna punta a vendere 7,5 milioni di azioni PDF Stampa

Hera. Il Comune di Bologna punta a vendere 7,5 milioni di azioni

Bologna. – Il Comune di Bologna progetta di vendere 7,5 milioni di azioni Hera, la multiutility che gestisce acqua, gas e elettricità in Emilia-Romagna  e non solo. L’idea, viste le quotazioni attuali del titolo in borsa, è quella di raccogliere 14 milioni di euro per fare cassa e finanziare progetti in città. Ne dà notizia l’edizione cartacea del Corriere di Bologna. Se sarà confermata –  la delibera di giunta dovrà passare prima dal consiglio comunale – quella bolognese non sarà comunque la prima operazione di questo tipo. Nel 2010 il Comune di Modena aveva aperto la strada deliberando la vendita graduale di 11 milioni di azioni (del valore di 1,4038 euro per azione). Poi è arrivata Ferrara, dove la giunta Pd ha deciso la vendita di 5 milioni di euro di azioni di Hera spa. Infine la piccola Monzuno, a guida Pdl, che ad aprile 2014 ha annunciato di voler vendere 400mila euro in azioni per reinvestire il ricavato in progetti di risparmio energetico.

Ora potrebbe essere il turno di Bologna, e il Corriere di Bologna che dà la notizia ne è sicuro, visto che parla di “piano di fatto già pronto”. Un sostanziale ripensamento rispetto a quando dichiarato ad esempio nel settembre 2011, quando alla Festa dell’Unità il sindaco di Bologna escluse categoricamente di voler alineare azioni Hera. “Quanto alle azioni delle aziende – disse Virginio Merola - faremo distinzione tra le partecipate. Dico però che non intendo vendere azioni di Hera”.

Si tratterebbe comunque di azioni svincolate dal Patto di sindacato dei soci pubblici che detengono la maggioranza del pacchetto azionario di Hera e controllano così la società. Hera spa è in mano a circa 190 Comuni che complessivamente detengono una quota del 57,6%. A fare la parte del leone c’è il Comune di Bologna, con il 14,5% delle azioni. I soci pubblici sono vincolati fino al 31 dicembre 2014 al mantenimento di una partecipazione al capitale sociale “in misura almeno pari al 51% del capitale stesso”. L’incognita è cosa succederà nel 2015, visto che Ferrara e Forlì, per ragioni diverse, hanno già annunciato di volersi sfilare dal Patto di sindacato. Per i Comitati referendari “Acqua Bene Comune” si tratta delle prime avvisaglie di una futura privatizzazione dell’azienda. “I Comuni avranno sempre più bisogno di soldi perché i trasferimenti Stato-enti locali subiranno sempre più tagli – aveva spiegato tempo Andrea Caselli del comitato bolognese – La loro unica via d’uscita sarà quella di vendere azioni, magari ad altri soci formalmente pubblici come la Cassa depositi e prestiti. Così il controllo sulla carta rimarrà pubblico, ma le collettività locali avranno perso ogni mezzo per influenzare le decisioni aziendali”.

Le reazione politiche. ”Condividiamo la proposta del sindaco di vendere (finalmente) parte di azioni Hera per reperire risorse da destinare a nuovi investimenti cittadini. Se, come pare, arriverà nei prossimi giorni in consiglio comunale la delibera di autorizzazione di vendita di quote della multiutility, noi la voteremo”. Lo annuncia il leghista Manes Bernardini, aprendo al sindaco Merola sulla vendita di azioni Hera. L’appoggio di forze fuori dalla maggioranza (la Lega ha tre consiglieri) potrebbe essere importante per l’approvazione della delibera nel caso in cui alcuni voti del centro sinistra venissero meno. Nell’ottobre 2012 il Pd, quando si votò sulla fusione Hera-Acegas, fu salvato dal voto del consigliere Aldrovandi, ex amministratore delegato di Hera.

Giovanni Stinco

 
Aderisci alla petizione contro la riforma pensioni "Fornero"! PDF Stampa

La RSU HERA CCNL Gas Acqua Bologna invita tutte/i le/i lavoratrici/ori di HERA ad aderire alla petizione contro la riforma delle pensioni "Fornero" ed a sostenere le prossime iniziative che il Movimento Nazionale delle RSU sta organizzando per abolire la riforma Fornero e per sostituirla con una sistema universale più equo, iniziative tra le quali:

- Presidio  venerdì 16 maggio 2014 davanti alle sedi delle Prefetture e dell'INPS per evidenziare all’opinione pubblica le finalità del Movimento Nazionale delle RSU contro la riforma Fornero;

- Assemblea Nazionale da tenersi sabato 31 maggio;

- Raccolta firme attraverso lo strumento della petizione popolare.

Il testo integrale del documento lo potete leggere nel file allegato.

Per aderire alla petizione cliccate sul seguente link e compilate i campi in fondo alla pagina:

Vi ringraziamo per l'attenzione!

La RSU HERA Gas Acqua Bologna

 
RISULTATI VOTAZIONE dell'ipotesi di Accordo per il rinnovo del Contratto Collettivo Gruppo HERA PDF Stampa

Con riferimento alla consultazione dell'ipotesi di Accordo per il rinnovo del Contratto Collettivo Gruppo HERA siglato tra il Coordinamento Sindacale Regionale e il Gruppo HERA, con la presente comunichiamo i risultati della votazione svolta al termine delle assemblee dei lavoratori HERA nelle sedi del territorio bolognese tenutesi i giorni 11, 14 e 15 aprile u.s.:

Aventi diritto:        826
Votanti:                  242
(pari al 29,3% degli aventi diritto)
Favorevoli:             223 (pari al 92,1% dei votanti)
Contrari:                  10 (pari al 4,2% dei votanti)
Astenuti:                 9 (pari al 3,7% dei votanti)
Pertanto il Coordinamento Sindacale Regionale ha sciolto la riserva e rattificato l'Accordo, i cui effetti economici e normativi saranno applicati a decorrere dal prossimo mese di Maggio.

Consegentemente ci preme informarvi che durante le stesse assemblee è stato discusso un punto controverso, ossia la modalità di ridistribuzione delle quote non erogate per effetto delle assenze per malattia pari a circa 150.000 euro complessivi, e sono emerse interessanti proposte aggiuntive alle due casistiche già previste (compensazione per lungo degenti oltre 3 mesi per gravi malattie - lavoratori che nel corso dell'anno non abbiano registrato assenze).

Alcune delle proposte di casistiche aggiuntive e più rappresentative alle quale si potranno destinare parte di tale somma, sono risultate ad esempio le seguenti:
  1. 50.000 euro annuali da destinare ad un Fondo comune per finanziare Visite Mediche Polispecialistiche utili a migliorare la prevenzione della salute dei dipendenti HERA;
  2. considerare tra i plus e minus, le maggiori prestazioni svolte eccedenti il normale orario ordinario settimanale (il che significa che le ore di straordinario potranno compensare le eventuali ore di assenza).

Consegneremo e sosterremo le suddette e/o ulteriori proposte al Coordinamento Sindacale Regionale di Gruppo, affinchè siano recepite in sede di consuntivazione degli indicatori del Premio di Risultato, così come previsto nell'Accordo firmato.

 
Risultati Referendum sul "TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA SINDACALE" Comparto Gas Acqua Bologna PDF Stampa

Con riferimento alla consultazione sul "Testo Unico sulla Rappresentanza Sindacale" sottoscritto tra Cgil, Cisl, UIL e Confservizi, con la presente vi anticipiamo i risultati del Referendum svolto al termine delle assemblee tenutesi i giorni 1 e 2 aprile u.s. tra i lavoratori HERA di Bologna iscritti alla Filctem Cgil:

Aventi diritto:        400
Votanti:                  166
(pari al 41,5% degli aventi diritto)
Favorevoli:             54 (pari al 32,5% dei votanti)
Contrari:                  86 (pari al 51,8% dei votanti)
Astenuti:                 26 (pari al 15,7% dei votanti)
Le operazioni di voto si sono svolte regolarmente.
 


Pagina 5 di 19
Design by Next Level Design / Script by Joomla!