Comunicato delle OO.SS. nazionali sul Protocollo COVID-19 del Gruppo HERA Stampa
Scritto da Red   
Mercoledì 15 Aprile 2020 14:32
La scorsa settimana le OO.SS. Nazionali hanno firmato il Protocollo Aziendale del Gruppo HERA, cosiddetto COVID-19.

Tale Protocollo contiene anche l'ingiusto (nelle motivazioni di merito) ed iniquo (nel metodo) “piano straordinario di smaltimento ferie”.

Come "FILCTEM CGIL di Bologna nel Gruppo HERA" riteniamo che, su questo punto, l'intesa sia estremamente deludente perché, di fatto, avvalora la posizione aziendale del "contributo" medio pro-capite dei lavoratori, in maniera indiscriminata e senza proporzione, nella sua forma, ed eccessiva nella quantità (8 giorni di ferie disposte dall'azienda), brandendo la "minaccia", immorale allo stato dell'arte, dell'eventuale ricorso alternativo agli ammortizzatori sociali.

In una eccellente realtà imprenditoriale come quella del Gruppo HERA, dove alla fine del mese corrente verrà approvato il Bilancio consolidato 2019 con il positivo record economico dall'anno dalla sua costituzione (2002) e in un quadro dove le perdite preventivate per effetto dell'emergenza Coronavirus risultano stimate in una riduzione oscillante solo tra il 3 e il 4% dei Ricavi (fonte aziendale comunicata la scorsa settimana alla comunità finanziaria), la sottoscrizione di un'intesa come quella in oggetto non sana la ferita e il dissenso aperto nei confronti dei vertici del Gruppo, che abbiamo espresso nelle settimane scorse nei numerosi comunicati, sia come Rappresentanze sindacali unitarie territoriali che regionali, anche a nome della netta maggioranza dei lavoratori.

Nel summenzionato Protocollo sottoscritto dal Gruppo HERA e dalle Strutture sindacali nazionali viene, quindi, previsto il "contributo" dei lavoratori, oltretutto senza minimamente pretendere alcun contributo da parte del "Top management", dalla Proprietà, la quale attende con ansia l'erogazione del dividendo record (10 centesimi ad azione).

Perciò, la firma di questo Protocollo ha mantenuto inalterato il nostro giudizio negativo sulla gestione del personale nel Gruppo HERA e, al contempo, ha di fatto certificato la preoccupante distanza fra le  OO.SS. nazionali (poco presenti e partecipi sul territorio e troppo attente alle "sirene" della direzione aziendale) rispetto alle giuste considerazioni dei delegati delle RSU / RLSA che, invece, rappresentano le reali esigenze di diritti normativi e di tutela della salute e sicurezza, della comunità dei lavoratori del Gruppo HERA.

Questa divaricazione fra le OO.SS. nazionali, senza autorevolezza, piuttosto autoreferenzialità, e le RSU ai vari livelli, è già stata evidenziata ai diretti interessati e dovrà essere immediatamente recuperata per il bene dei lavoratori, pena la sfiducia definitiva nei confronti delle strutture nazionali.

Vi alleghiamo il Comunicato sindacale prodotto dalle OO.SS. Nazionali a seguito della loro firma del “Protocollo COVID-19" e il testo integrale.

Per fare maggiore chiarezza sui punti del Comunicato sindacale nazionale e del (deludente) Protocollo, ci preme specificare quanto segue:

  1. La somma dei giorni già disposti dall'azienda nel periodo temporale compreso tra il 24/02 ed il 22/03 u.s., più gli ulteriori giorni assegnati nel successivo periodo dal 23/03 al 31/05, NON dovrà superare la quantità massima di 8 giorni di ferie maturate 2020 dal “piano straordinario di smaltimento ferie” definito nel Protocollo COVID-19 del Gruppo HERA. Pertanto gli eventuali giorni già disposti + quelli programmati, qualora eccedano rispetto agli 8 giorni, dovranno essere annullati dalla programmazione, al netto di eventuali ferie degli anni precedenti;
  2. La somma di giorni già fruiti a partire dal 01/01 u.s. e fino ad oggi, per scelta del lavoratore, più quelli programmati fino a fine maggio, compresi i giorni disposti e assegnati dal “piano straordinario di smaltimento ferie”, NON dovrà comunque eccedere la quantità di giorni di ferie maturate al 31/05, pari a 11,5 giorni, al netto di eventuali ferie degli anni precedenti e residue al 31/12/2019. Di conseguenza, sono da intendersi comprensive anche dei giorni già stabiliti nel "piano di programmazione ferie 2020", previsto dalla Disposizione di Servizio n 1/2020 e precedente all'avvio dell’emergenza COVID-19.

Il Comitato degli iscritti della FILCTEM CGIL Bologna nel Gruppo HERA
Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Giugno 2020 22:50